Siamo praticamente a metà delle feste. Natale e Santo Stefano sono passati, adesso rimangono solo Capodanno e l’Epifania. Che detto così sembra che rimangano dei compiti da fare, o delle stanze della casa da pulire. E invece il “solo” è dovuto al fatto che sto così bene durante queste feste che non vorrei che finissero mai.

Il 24, 25 e 26 sono passati tra pendolarismo selvaggio tra qui e casa mia, la vigilia con i suoi parenti, l’incontro (il primo in assoluto) dei miei genitori con i suoi genitori,  il pranzo con i miei parenti. Poi per fortuna ci siamo fermati di fare avanti e indietro, perchè ormai la mia macchina gridava chiedendo pietà, e anche il mio fisico ne stava risentendo – il giorno di Santo Stefano avevo accumulato un sacco di stanchezza ed ero bianca come un morto.

Il presepe è stato montato, e sta prendendo i complimenti di tutti: nonostante sia un lavoro mio, e quindi il mio giudizio non è imparziale, devo dire che è venuto veramente bene, e entrambi, io e Fabio, ne siamo stra-soddisfatti. Non abbiamo ancora fatto le foto all’opera ultimata; direi di farle domani, e così le potrò postare e attendere i vostri commenti!

Il Capodanno sarà a Verona, quest’anno, con una coppia di amici, il concerto in piazza Brà (ci aspetta nientepopodimenodi Little Tony), la notte in un bell’albergo del centro città, e poi la giornata successiva alle terme di Lazise, sul Lago di Garda. Niente male, dai, quest’anno ci siamo voluti trattare bene e concederci una serata un po’ diversa dal solito: vedremo come va!

Annunci