You are currently browsing the monthly archive for gennaio 2009.

tvNelle scorse due settimane abbiamo visto ben tre film (benedetto abbonamento): ecco le nostre recensioni.

Sette Anime: Bello, bello, bello. Triste, triste, triste. Intenso, appassionato, coinvolgente, ma anche altrettando strappa cuore (strappa lacrime in questo caso sarebbe troppo poco): all’accensione delle luci in sala era tutto un tripudio di fazzolettini, soffiate di naso, e rimmel delle signore che colava dappertutto. Bravissimi anche gli attori, Will Smith e Rosario Dawson — personalmente, siamo rimasti piacevolmente colpiti dal fatto che, a contrario di quanto accadeva in Io sono Leggenda, in questo film Smith non fa troppo lo “sborone” per mettere in mostra il fisico. Assolutamente imperdibile.

Australia: un Via col Vento versione redux, sia per la durata (2h 45′), sia per le tematiche trattate: una storiona d’amore forte, interculturale, in un territorio “diverso” e inospitale, con la guerra sullo sfondo, e l’impenetrabilità della cultura aborigena di contorno. Molto bello anche questo film, le quasi tre ore non si sentono nemmeno (tranne qualche rigidità articolare al momento di rialzarsi dalla poltrona) ed è anche molto coinvolgente. Sicuramente le ragazze inclini al romanticismo apprezzeranno! 🙂 Peccato solo che le tematiche legate alla cultura aborigena, come le tanto citate “vie dei canti”, siano solo accennate e non approfondite: ma d’altronde, non era questo il compito del film, credo. Degno di nota anche un Hugh Jackman straordinariamente “gonfio” per chi se lo ricorda in The Prestige, ma che porta molto bene i suoi 45 anni!

Yes, Man: dopo due filmoni così, una commedia ci stava, eh! 😀 Anche se invecchiata, la faccia di gomma di Jim Carrey è capace di risollevare qualsiasi film, e così una commedietta da due risatine diventa un bel film comico svuota pensieri, adatto a una domenica pomeriggio senza pretese. Molto carino anche questo, due risate si fanno sempre volentieri!

Annunci

lavoroLunedì ho fatto la seconda lezione di Inglese nell’azienda del post-precedente: tutto regolare, solo che è stata più noiosa della prima, visto che abbiamo fatto esercizi di grammatica per “fissare” i concetti di cui avevamo parlato, e per fare emergere nuove “magagne”! 🙂

Ovviamente la grammatica cuoce un po’ di più rispetto a fare conversazione, però ci vuole, insomma, soprattutto a questi livelli intermediate — anche se io sono contraria agli esercizi schematici di grammatica, mi tocca farli fare, ogni tanto…

Nel frattempo, la tesi è praticamente finita. Dico praticamente, e lo dico sempre a bassa voce, perchè la mia relatrice è in possesso della versione “definitiva” proprio in questi giorni, il che vuol dire che ci sarà sicuramente qualcosa da modificare prima che la versione diventi definitiva senza le virgolette intorno!
Il limite per la consegna dell’elaborato in segreteria è il 5 febbraio, con la prof ci rivedremo il 2… insomma, prevedo un paio di giornate di fuoco alla rincorsa degli ultimi miglioramenti!

lavoroPer conto dell’agenzia di traduzioni/interpretariato con la quale ogni tanto collaboro come free-lance, ieri ho tenuto la mia prima lezione di Inglese in un contesto per me nuovissimo: quello aziendale.
Le persone a cui insegno io sono i due proprietari di questa azienda, che si occupa (in senso lato) di turismo, e che vogliono migliorare la loro fluency in modo da poter comunicare in modo corretto con i loro clienti stranieri, che sono la maggior parte.

Il mio compito è quello di finire un corso che era già stato avviato precedentemente, sempre dalla stessa agenzia, ma con un’altra insegnante che non aveva soddisfatto l’azienda, visto il suo approccio tradizionalista e “noioso”. Mi trovo insomma, davanti a due persone che hanno sempre fatto corsi con insegnanti madrelingua inglesi di una certa età, e che vogliono avere ‘na botta de vita! 🙂

La cosa che mi ha lasciato, per dirla con gentilezza, abbastanza allibita è stata il fatto che, dopo 30 ore di corso con quest’altra insegnante di cui io ho preso il posto, queste due persone non sapevano perchè la tabella dei paradigmi dei verbi irregolari è costituta da tre colonne, e a che cosa “servono” queste tre colonne! Allucinante a dir poco, insomma!

Il loro vocabolario è abbastanza buono, anche perchè il lessico è quello che usano nelle loro interazioni quotidiane, e sono abbastanza fluent già di loro. Il problema è che, nonostante questa discreta autonomia di conversazione, sbagliano sempre i tempi verbali perchè non sanno proprio qual è la logica che sta dietro ad ognuno di essi. Della serie, che differenza c’è tra simple past e present perfect?

La lezione è andata bene, e anche se tra fare lezione a un bimbo di 11 anni e farla a un imprenditore di 45 c’è una bella differenza, mi sono resa conto che i meccanismi di apprendimento (associare le parole tra loro perchè fanno rima, pensare a una filastrocca, piuttosto che altri escamotages del genere) sono poi sempre gli stessi, e che l’espressione di soddisfazione che compare sul volto dell’allievo di turno quando capisce quello che gli spieghi… anche quella è sempre uguale, nonostante la differenza d’età!
Una bella soddisfazione, insomma. Io mi sono divertita, e anche loro, e ci rivedremo lunedì prossimo. Nella speranza che dopo queste 10 ore il corso prosegua per altre 40!

Io ho capito molto presto che la vita passa in un baleno guardando gli adulti attorno a me, sempre di fretta, stressati dalle scadenze, così avidi dell’oggi per non pensare al domani… In realtà temiamo il domani solo perchè non sappiamo costruire il presente, e quando non sappiamo costruire il presente ci illudiamo che saremo capaci di farlo domani, e rimaniamo fregati perchè domani finisce sempre per diventare oggi, non so se ho reso l’idea.
Quindi non bisogna affatto dimenticare. Occorre vivere con la certezza che invecchieremo e che non sarà né bello né piacevole né allegro. E ripetersi che ciò che conta è adesso: costruire, ora, qualcosa, a ogni costo, con tutte le nostre forze. Avere sempre in testa la casa di riposo per superarsi continuamente e rendere ogni giorno imperituro. Scalare passo dopo passo il proprio Everest personale, e farlo in modo tale che ogni passo sia un pezzetto di eternità.
Ecco a cosa serve il futuro: a costruire il presente con veri progetti di vita.

[Barbery, M. L’eleganza del Riccio. Edizioni e/o, pp. 123-124]

Buon Natale e Buon Anno, innanzitutto! 😀
Come avete passato queste feste? Io molto bene, sono riuscita a districarmi abbastanza bene tra tombolate, cene con i numerosi parenti (naturali e acquisiti), capitoli di tesi, preparazione dei testi per il mio futuro sito (poluz, ce la faccio eh!), regali ricevuti e donati, e la gita per il capodanno trascorso a Roma. Ne siamo usciti indenni, anche se bisognosi di disintossicazione da panettone, zucchero a velo, pandoro, pampapato, tortellini, cotechino e purè.

Durante queste vacanze, devo dir la verità, c’è stato poco, pochissimo tempo dedicato agli svaghi mass-mediatici (libri e film, sia home-video che al cinema) — al contrario dell’anno scorso in cui ci eravamo spappati tutta la saga de Il Signore degli Anelli.

Quest’anno abbiamo visto (a casa) The Department, che io ho ri-apprezzato, avendolo già visto, e (al cinema) Il Cosmo sul Comò, di Aldo Giovanni & Giacomo — quest’ultimo, sinceramente una delusione. Sa di visto  e rivisto, trito e ritrito, solite battute, solite scenette da Mai dire Gol d’altri tempo. Anzi, peggio.

Io ho divorato in poco tempo Fido non si Fida, di Stefano Apuzzo e Edgar Meyer: un’ottima guida all’alimentazione di cani e gatti. O meglio, non una vera guida all’alimentazione — insomma, non è un libro che ti dice solamente che i gatti hanno bisogno di vitamina E e i cani di proteine.
Gli autori spiegano nel dettaglio, analizzando anche quanto riportato sull’etichetta di mangimi anche molto “famosi”, cosa c’è nel 90% mangimi che si trovano in commercio, e che molti proprietari comprano non sapendo assolutamente cosa ci sia dentro; e pensando, ad esempio, che farina di pollo, voglia dire farina di carne di pollo, e non zampe, becchi, occhi, intestini, fegato, e soprattutto polli morti… tutti disidratati, frullati, spezzettati e bolliti insieme.
Basti pensare che sotto questa etichetta ricadono molto spesso, oltre agli scarti di macellazione, anche rifiuti solidi urbani che siano stati bolliti per non meno di un’ora (Ordinanza Ministeriale, 10 maggio 1973); e che nei mangimi ci sono innumerevoli coloranti, aromi e conservanti che sono estremamente dannosi per la salute, nonchè completamente inutili.

Pagine

gennaio: 2009
L M M G V S D
« Dic   Mar »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031