Siamo in Emilia-Romagna, ma lo scenario che si vede dai finestrini dell’auto è un misto tra le colline toscane e i verdi prati irlandesi. Tondo, morbido, luminoso: tante gobbe dolci, che ti invogliano a correrci, in mezzo a quei prati, con le mani basse che sfiorano i fiori gialli cosparsi dappertutto. È la pianura tra Parma e Piacenza, nella quale, a pochi chilometri l’uno dall’altro, sono disseminati castelli, fortezze, abbazie, chiese, rovine e borghi medievali.

Durante il lungo weekend pasquale ci siamo concessi una breve pausa in mezzo a queste vicine colline, e di cose ne abbiamo visitate, di varie e bellissime. Queste le migliori:

Pasqua

Abbazia di Chiaravalle della Colomba – una delle abbazie cistercensi più belle d’Italia, magnifica dentro e fuori, nel bellissimo chiostro popolato di ulivi. Assolutamente da rivedere nel periodo del Corpus Domini, quando la navata centrale viene ricoperta dall’infiorata.

Castell’Arquato – un borgo medioevale dove pare davvero che il tempo si sia fermato, dove ogni casa in sasso è curata, dalle tendine alle finestre ai vasi di fiori accanto alla porta, dove ogni sasso nasconde una conchiglia fossilizzata (qui nei dintorni hanno pure trovato lo scheletro di una balena: nella preistoria c’era il mare) e ogni vicolo uno scorcio sublime.

Vigoleno – come la prua di una nave, questo borgo fortificato si slancia verso la pianura sottostante. Molto più piccolo di Castell’Arquato, è anch’esso estremamente curato in ogni dettaglio, e anche il castello, molto semplice, vale la visita (poi, per 3,50 EUR, non si può dire di no).

Bardi – lasciata per ultima, ma non certo per importanza, la fortezza di Bardi è costruita sopra un enorme sperone di diaspro rosso, che domina tutta la vallata padana, da ogni lato. Il castello è davvero enorme, visitabile quasi ovunque (EUR 5,50 con visita guidata inclusa): dalla ghiacciaia alle cucine, dalla torre alla piazza d’armi, dove si dica si aggiri un fantasma, la cui presenza è stata anche documentata in vari modi. Davvero bellissimo (il castello, non il fantasma, eh!).

Annunci